15.03 - 04.05_2019


PONTINIA [Italy]

TEATRO FELLINI PONTINIA / SALA MARCO FERRERI


SCATTOSCENICO /

rassegna in 5 atti a cura di Italo Bergantini


La Romberg Arte Contemporanea in occasione della stagione 2018/2019 del Teatro Fellini Pontinia - in collaborazione con i direttori artistici Clemente Pernarella e Melania Maccaferri - presenta una rassegna in 5 atti dal titolo Scattoscenico.

Obiettivo delle 5 mostre che si alterneranno nella Sala Marco Ferreri è mettere in scena una profonda analisi sulle città di fondazione del territorio Pontino.
5 gli artisti invitati, Marcello Scopelliti, Angelo Giovannetti, Gabriele Rossi, Antonio Petrianni, Paolo Petrignani (rigorosamente in ordine di entrata in scena), che usano il mezzo fotografico per raccontare la cultura, la comunità e i cambiamenti che nel corso degli anni hanno rinnovato l’identità del territorio pontino.


ATTO QUARTO 

ANTONIO PETRIANNI / ACQUA BENEDETTA

Una sequenza di 98 fotografie, un video e una boccetta di acqua occuperanno la Sala espositiva Marco Ferreri del Teatro Fellini di Pontinia.

In presenza di un’insufficienza renale il corpo di un uomo è come una palude, anche poca acqua può allagare tutto. La ricerca si snoda tra una palude bonificata e un corpo dializzato. Entrambi invasi dall’acqua sopravvivono a un passo dal collasso soltanto grazie all’intervento costante dell’uomo.

La realtà corre su due linee: quella della dialisi a cadenza precisa, del controllo del peso e del razionamento dell’acqua; e quella parallela del territorio bonificato e del sistema di canali e idrovore che mantengono asciutto il suolo. Un doppio biologico dove i paesaggi diventano cellulari e i segni indecifrabili: tra annegamento e siccità, tra reni e terreni, vene e canali, tra meccanica idraulica e medicina, Uomo e Natura si fondono.


Antonio Petrianni: nel 2015 mi ha contattato Fabio, chiedendomi di registrare quello che poi si è dimostrato essere un video-testamento.

A seguito di una glomerulonefrite, da piccolo Fabio era stato sottoposto ad un trapianto di rene donatogli dalla madre Oise. Dopo 30 anni come tutti i trapianti anche questo aveva avuto il suo naturale decorso. Doveva quindi tornare in dialisi.

Dopo alcuni incontri l’analogia tra territorio bonificato e paziente con insufficienza renale è stata lampante.

Acqua Benedetta nasce da quest’intervista a un amico ed è a lui dedicato.

Insieme alla società di produzione e distribuzione ASAP Cinema Network di Luca Lardieri è attualmente in fase di preproduzione e sviluppo un documentario e un progetto multimediale sull’argomento.

Progetto aperto ad accogliere qualsiasi forma d'arte e di comunicazione essa incontri.


(Antonio Petrianni è nato a Latina nel 1975, vive a Latina. Lavora tra Latina e Roma)


Dove / Pontinia (LT) - Piazza Indipendenza

Info /www.fellinipontinia.it

Using Format